LO STRESS MUSCOLARE DURANTE ALLENAMENTI

LO STRESS MUSCOLARE DURANTE ALLENAMENTI

Molti atleti misurano l’intensità totale e il volume di un allenamento dal totale del peso sollevato (set per ripetizioni per peso), ma alcuni allenatori ribattono che questo metodo non è corretto: eseguire poche serie ma pesanti è profondamente diverso dall’ eseguire molte serie e ripetizioni ma usando carichi leggeri. 

 

Alcuni studi, pubblicati sul Journal of Strength and Conditioning Research, hanno tentato di quantificare il “peso metabolico” di diversi schemi di sollevamento pesi misurando la risposta ormonale e il danno muscolare degli atleti (ad esempio la creatin-chinasi).

 

Giovani atleti hanno eseguito quattro serie col massimo delle ripetizioni al 50% di sforzo; cinque serie col massimo delle ripetizioni al 75% di sforzo; 10 serie col massimo delle ripetizioni al 90% di sforzo.

 

I livelli di creatin-chinasi erano al massimo durante il 75% del massimo sforzo.

 

Questo allenamento è anche risultato nel “volume” il migliore dell’allenamento totale.

 

Non ci sono state differenze per quanto riguarda il testosterone o il cortisolo (ormone catabolico). Questo per gli atleti professionisti è un problema fondamentale: il fattore più importante è determinare quale programma di allenamento causi un maggior aumento nella massa muscolare e nella forza senza danneggiare la muscolatura. È necessario procedere con altri esperimenti per chiarire meglio queste indicazioni.  

Molti atleti misurano l’intensità totale e il volume di un allenamento dal totale del peso sollevato (set per ripetizioni per peso), ma alcuni allenatori ribattono che questo metodo non è corretto: eseguire poche serie ma pesanti è profondamente diverso dall’eseguire molte serie e ripetizioni ma usando carichi leggeri.

Alcuni studi, pubblicati sul Journal of Strength and Conditioning Research, hanno tentato di quantificare il “peso metabolico” di diversi schemi di sollevamento pesi misurando la risposta ormonale e il danno muscolare degli atleti (ad esempio la creatin-chinasi).

Giovani atleti hanno eseguito quattro serie col massimo delle ripetizioni al 50% di sforzo; cinque serie col massimo delle ripetizioni al 75% di sforzo; 10 serie col massimo delle ripetizioni al 90% di sforzo.

I livelli di creatin-chinasi erano al massimo durante il 75% del massimo sforzo.

Questo allenamento è anche risultato nel “volume” il migliore dell’allenamento totale.

 

Non ci sono state differenze per quanto riguarda il testosterone o il cortisolo (ormone catabolico). Questo per gli atleti professionisti è un problema fondamentale: il fattore più importante è determinare quale programma di allenamento causi un maggior aumento nella massa muscolare e nella forza senza danneggiare la muscolatura. È necessario procedere con altri esperimenti per chiarire meglio queste indicazioni.